Controlla il risarcimento

Overbooking Air Canada: come ottenere una compensazione per imbarco negato

Overbooking Air Canada: come ottenere una compensazione per imbarco negato
Salvatore Giannavola
Ultimo aggiornamento: July 05, 2024

Air Canada è la compagnia di bandiera dello stato nordamericano con sede a Montréal. La sua flotta comprende 198 aeromobili in grado di servire quasi 200 destinazioni in tutto il mondo. La compagnia, tradizionalmente nota per la sua efficienza, ha trasportato circa 46 milioni di passeggeri nel 2023 e vanta una percentuale di carico dell’86,7%, secondo un trend positivo anche considerando i numeri in picchiata nella fase pandemica più acuta.

Con quasi 68mila voli negli ultimi 30 giorni, per una media superiore a 2200 al giorno, Air Canada ha fatto registrare ritardi superiori ai 15 minuti in quasi un volo su tre (29%), mentre la media dei ritardi si attesta sui 35 minuti. Molto rari, invece, sono stati i casi di voli cancellati: solamente l’1,5% nell’ultima rilevazione di Airportia. I casi di overbooking, con conseguenti negati imbarchi per alcuni passeggeri, non sono mancati: sebbene non siano disponibili dati numerici precisi, due ex impiegati Air Canada hanno recentemente confessato quanto sia utilizzata questa pratica da parte della compagnia aerea.

Se hai subito un disservizio legato all’overbooking Air Canada, puoi leggere questa guida redatta dagli esperti di AirAdvisor per conoscere i tuoi diritti e sapere come farli valere in questa sfortunata situazione.

clouds
bubble
Ci assumiamo tutte le spese legali

Tutto ciò che devi fare è inoltrare la domanda e attendere il tuo indennizzo.

Che cos’è l’overbooking e perché le compagnie aeree adottano questa pratica

Quando si parla di “overbooking”, ci si riferisce a una prassi seguita dalle compagnie aeree per cui un volo viene "sopra prenotato". Per semplificare, significa che il numero di prenotazioni accettate per ciascun volo è maggiore rispetto a quello dei posti disponibili, ovvero dei passeggeri che possono effettivamente essere trasportati dal vettore.

Questa pratica, è opportuno precisarlo, non ha nulla di illegale ed è piuttosto diffusa e anche Air Canada potrebbe praticarla.

Le compagnie aeree, infatti, tendono a cercare di ottenere il maggior profitto possibile da ciascun volo, provando a stimare con un certo grado di accuratezza il numero di passeggeri che potrebbero non presentarsi all’imbarco per svariate ragioni: prenotazioni modificate o cancellate, voli persi, problemi con coincidenze. Per una compagnia aerea, infatti, provare a rimpiazzare un passeggero che non si imbarca è molto più difficile rispetto ad altre forme di trasporto, per cui l’overbooking diventa una strategia quasi inevitabile, anche considerando la statistica per cui il 5% dei passeggeri non si presenta all’imbarco oppure cancella il volo in extremis.

Le conseguenze di un volo “overbooked”, però, possono essere spiacevoli per uno o più passeggeri. Se i posti disponibili sono inferiori rispetto ai viaggiatori al gate, l’unica possibilità per la compagnia aerea è negare l’imbarco a qualcuno, proponendo benefici di vario genere a dei volontari oppure, semplicemente, imponendo la propria scelta. Nella prima circostanza, la compagnia aerea cerca un passeggero che accetti di rinunciare al proprio volo in cambio di proposte di vario genere, che solitamente vengono negoziate, e per questo si parla di “negato imbarco volontario”. Nella seconda, invece, la compagnia comunica la propria decisione al passeggero oppure ai passeggeri, senza concedere molto margine di manovra: è il caso del negato imbarco involontario.

Recentemente, Air Canada ha dovuto accogliere la decisione di un tribunale canadese riguardo una controversia con un utente, Jake Moffat, che aveva interagito con il chatbot della compagnia, ricevendo indicazioni non corrette e pagando un biglietto più del dovuto. Nonostante abbia provato a difendersi, la compagnia aerea ha effettivamente accettato la sentenza, una delle prime nel suo genere come confermato dal database legale canadese.

I vertici della compagnia non hanno commentato l’accaduto, ma continuano a lavorare energicamente per migliorare il proprio servizio, come dimostra il rinnovamento della flotta già annunciato per il prossimo anno.

Aereo marchiato air canada con vista al tramonto

Normative e diritti dei passeggeri in caso di overbooking

Negato imbarco involontario

Prima di tutto, torniamo su quanto accennato nei paragrafi precedenti, ovvero sulla distinzione fra le due tipologie di negato imbarco. Il negato imbarco involontario è la fattispecie nella quale la compagnia aerea impone la propria scelta a uno o più passeggeri, non consentendo di imbarcarsi su un volo regolarmente prenotato. I viaggiatori costretti a rinunciare al proprio volo con queste modalità, comunque, sono tutelati da diverse normative e, ovviamente, dalla legislazione locale. La compagnia aerea, per esempio, è tenuta a garantire:

  • Cibo e bevande in relazione alla durata dell’attesa;
  • Accesso libero alle comunicazioni con parenti e amici;
  • Sistemazione presso una struttura alberghiera a distanza ragionevole dall’aeroporto nel caso in cui siano necessari pernottamenti.

Inoltre, Air Canada è obbligata a organizzare forme alternative di trasporto per i viaggiatori che subiscono gli effetti dell’overbooking. Normalmente, l’offerta è del primo volo disponibile verso la medesima destinazione, senza costi aggiuntivi. Per chiunque, invece, non abbia più bisogno di raggiungere un luogo come conseguenza di un negato imbarco, Air Canada deve rimborsare la parte di viaggio non effettuata. Quando l’imbarco viene negato su un volo in coincidenza, Air Canada è tenuta a rimborsare il biglietto e pagare anche il volo di ritorno.

La legge canadese che determina i diritti dei passeggeri aerei, in ogni caso, prevede compensazioni pecuniarie indipendenti dal costo del biglietto per chiunque subisca un negato imbarco involontario, come descritto nella tabella seguente.

Ritardo nell’arrivo alla destinazione finale

Indennizzo

Da 0 a 6 ore

900 $

Da 6 a 9 ore

1800 $

Oltre 9 ore

2400 $

clouds
bubble
Lavoriamo secondo il principio "No-Win, No-Fee"

AirAdvisor è lieta di aiutarti con la tua richiesta di risarcimento, così potrai evitare lo stress di avere a che fare con compagnie aeree e leggi complicate.

Negato imbarco volontario

Le politiche di Air Canada, comunque, prevedono come prima cosa la ricerca di volontari che siano disposti a rinunciare al volo in cambio di benefici di varia natura, fra cui compensazioni economiche da concordare direttamente con la compagnia. Alcuni utenti su Reddit hanno raccontato di aver ricevuto offerte da 1000$ a 2400$ per rinunciare all’imbarco. In ogni caso, Air Canada non può negoziare con minori non accompagnati, disabili, persone che viaggiano con membri del nucleo familiare, persone già vittime di overbooking e possessori di business class o prima classe.

La normativa europea, ovvero il Regolamento europeo 261/2004, invece, si applica ai passeggeri che partono da un aeroporto situato nel territorio di un paese UE, oppure ai passeggeri in partenza da un paese terzo verso un aeroporto all’interno dell’UE. Il viaggiatore può far valere i propri diritti se possiede un biglietto aereo, o comunque una prenotazione confermata, se si presenta al check-in nei modi e nei tempi stabiliti dalla compagnia o, in assenza di indicazioni, non meno di 45 minuti prima dell’orario di partenza.

alle persone e stato negato limbarco sullaereo

Sono previste anche compensazioni pecuniarie per overbooking Air Canada a seconda del tipo di tratta e della sua lunghezza, come descritto nella seguente tabella.

Tratte aeree intracomunitarie

Tratta fino a 1500 km

250€

Tratta superiore a 1500 km

400€

Tratte aeree extracomunitarie

Tratta fino a 1500 km

250€

Tratta tra 1500 e 3500 km

400€

Tratta superiore a 3500 km

600€

Inoltre, il passeggero può scegliere tra:

  • Rimborso del prezzo del biglietto per la parte di viaggio non effettuata;
  • Imbarco sul primo volo disponibile per la stessa destinazione con la stessa compagnia;
  • Imbarco su un volo successivo a discrezione del passeggero.

Inoltre, i viaggiatori vittime di overbooking, in base alla normativa europea, hanno diritto a:

  • Pasti e bevande in base al tempo di attesa del volo successivo;
  • Eventuale sistemazione in albergo e trasporto da e verso l’aeroporto nel caso in cui siano necessari pernottamenti;
  • Due chiamate telefoniche, messaggi fax o mail.
clouds
bubble
Risparmia fino a 120 € per famiglia

Spesso le tariffe di AirAdvisor sono risultate inferiori del 5% rispetto alla concorrenza.

Cosa fare in caso di overbooking e negato imbarco con Air Canada

La prima cosa da fare è ottenere l’assistenza che ti spetta, a partire da cibo e bevande, ma ti suggeriamo anche di richiedere tempestivamente la compensazione che, in base al Canada Transport Act, deve essere corrisposta il prima possibile.

Nel caso dell’UE (incluse Islanda, Norvegia e Svizzera che hanno recepito la stessa norma nella propria legislazione interna) o del Regno Unito (che ha fatto lo stesso in seguito alla Brexit), invece, il suggerimento è di raccogliere e conservare accuratamente tutta la documentazione relativa al viaggio, come conferma di prenotazione, carta di imbarco e dettagli relativi ai bagagli, ma anche le ricevute riferite alle spese aggiuntive provocate dal negato imbarco, come quelle relative a pasti, bevande, sistemazione in albergo ed eventuale trasporto.

Eccezioni: quando non hai diritto alla compensazione per overbooking Air Canda

Le compensazioni per overbooking possono essere corrisposte solo se la causa del negato imbarco dipende direttamente da Air Canada. Quando, invece, le ragioni sono ascrivibili a cattive condizioni meteo o problemi di sicurezza, non sono previsti indennizzi.

Inoltre, naturalmente, il caso in cui il passeggero non soddisfi i requisiti per il check-in e l’imbarco non prevede compensazioni di alcun tipo.

Sei pronto a richiedere subito i tuoi 600 €?

Bastano meno di 3 minuti

airplane
checkbluecheckwhite

Verifica istantanea gratuita

checkbluecheckwhite

No Win, No Fee

checkbluecheckwhite

Tasso di successo del 98%

FAQ Overbooking Air Canada

Dopo quanto tempo si può inoltrare un reclamo Air Canada per imbarco negato?

Generalmente, in qualsiasi Paese si verifichi la spiacevole circostanza dell’imbarco negato, consigliamo di non esitare e provvedere alla richiesta di reclamo il prima possibile. In generale, secondo la legge vigente hai tempo fino a sei mesi.

Come effettuare un reclamo per overbooking nei confronti di Air Canada?

Air Canada consente di inoltrare un reclamo direttamente dalla propria pagina web. Se riscontrassi delle difficoltà nella scelta del canale di contatto o nella compilazione del form, ti consigliamo di affidarti al nostro servizio.

Quanto tempo impiega Air Canada per rispondere a un reclamo overbooking?

Air Canada non stabilisce delle tempistiche precise per l’evasione di una richiesta di questo tipo. Trascorse quattro settimane senza una risposta, però, ti suggeriamo di contattarci per poter ottenere il supporto necessario.

 

Calcolatore di risarcimento per imbarco negato
Calcolatore di risarcimento per imbarco negato

Calcolatore di risarcimento per imbarco negato:

Verifica in soli 3 minuti se hai diritto a un risarcimento per un ritardo del volo.
Verifica istantanea gratuita

Verifica istantanea gratuita

No Win, No Fee

No Win, No Fee

Richiedi subito il tuo rimborso di 600 euro!

Ci vogliono meno di 5 minuti!

Richiesta di risarcimento

AirAdvisor è stato citato in:

  • CNN
  • Forbes
  • USA Today
  • Mirror